mercoledì 29 novembre 2006

L'arte di ricordare le giornate #2

Il mio cellulare non funziona più, neanche ora che è asciutto. Appena successo il fattaccio era completamente impazzito. Quando inserivo la batteria si accendeva automaticamente il display e tutti i led e si creava, inoltre, uno scompenso spazio-temporale nella dimensione di Krapson/Palmers.
Una volta asciutto l'ho messo in carica, ma non si è acceso neanche dopo 4 giorni. Coma transistoriale.
Ho tristemente deciso di staccare la spina.

"Cellulare è morto
Ne danno il triste annuncio il caricabatterie, il comodino e il bidet, che gli è stato vicino nei suoi ultimi momenti di vita."


Il cesso è in un mare di m...guai, e la mano destra è tutt'ora in libertà vigilata.

Però c'è un lato positivo, ho imparato una cosa: il mio cellulare non era anfibio.


Dedicato alle entità sovraumane.

2 commenti:

bibi ha detto...

puoi sempre usarlo come soprammobile o come nuovo amico del tuo prossimo cellulare!
comunque sono addolorata, condoglianze,
barbara piroddi.

stramonio ha detto...

puoi continuare ad usarlo come portafogli...:)